Chiama

0142.78.16.15

Email

info@federgest.it

I servizi bibliotecari propri e non, appaltati “in toto” scontano l’Iva

Per rientrare nell’esenzione dall’imposta, le prestazioni rese dall’affidatario nella loro globalità, devono essere tutte relative ad attività aventi natura culturale e sociale.

Il complesso di prestazioni di servizio affidato a due bibliotecari esterni tramite appalto, con previsione di un corrispettivo unico e indistinto, il quale comprende sia attività riconducibili a quelle “proprie delle biblioteche” sia estranee, non può essere esente dall’Iva.

Le prestazioni tipiche e proprie delle biblioteche, cioè quelle che godono dell’esonero dall’imposta, come chiarito in diversi documenti di prassi, sono esclusivamente quelle di raccolta, catalogazione, conservazione, archiviazione e consultazione di libri e altro materiale utili per fini di ricerca e studio, considerate nella loro globalità.

Fonte: FiscoOggi.it – di Redazione FiscoOggi.it – 8 novembre 2021 

I servizi bibliotecari propri e non, appaltati “in toto” scontano l’Iva

https://www.fiscooggi.it/rubrica/normativa-e-prassi/articolo/servizi-bibliotecari-propri-e-non-appaltati-toto-scontano-liva

Se l'articolo ti è piaciuto condivilo!

Federgest srl